Siglato il protocollo di intesa tra ANACI e RPT (Rete delle Professioni Tecniche) in merito alla messa in sicurezza dei condomini in termini di impianti e strutture

Pubblicato il

SICUREZZA E IMPIANTI NEI CONDOMINI


Mercoledì 16 novembre è stato siglato un importante Protocollo di intesa tra RPT (Rete delle Professioni Tecniche) e Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari).


L’accordo prevede l’applicazione di uno schema tipo per l’affidamento di incarichi tecnici da parte dei condomini e la collaborazione per definire uno standard nazionale. In particolare la finalità di questo accordo è quella di garantire la sicurezza dei condomini, in termini di impianti e di struttura edilizia.
I professionisti tecnici si impegnano a curare l’elaborazione della parte tecnica dell’anagrafe condominiale e soprattutto a garantire lo sviluppo ulteriore del livello di qualità delle prestazioni professionali che dovranno essere finalizzate a ridurre al minimo i problemi che attualmente affrontano i condomini.


La Rete delle Professioni Tecniche aiuterà i condomini a dare una valutazione oggettiva delle varie problematiche dei condomini, come ad esempio lo stato degli impianti e delle strutture condominiali. Non solo per quel che riguarda gli interventi straordinari ma anche per la manutenzione ordinaria. Il tutto realizzato attraverso prestazioni professionali di alta qualità che per noi rappresentano la massima garanzia.

Gli obiettivi principali del Protocollo di intesa sono i seguenti:

  • predisporre procedure standard per l’affidamento ai professionisti tecnici degli incarichi relativi ai lavori condominiali e controlli sulle procedure a garanzia del cittadino;
  • stabilire procedure e standard per l’individuazione delle imprese più idonee allo svolgimento dei lavori con relative garanzie;
  • individuare criteri oggettivi per definire gli incarichi di progettazione, direzione lavori, coordinatori della sicurezza, contratti di appalto, collaudi, perizie, certificazioni e diagnosi energetiche;
  • proporre alla Presidenza del Consiglio e al Ministro delle Infrastrutture soluzioni e procedure condivise per tutelare, incentivare e mantenere la messa in sicurezza e il controllo dinamico nel tempo delle strutture e impianti.

Il protocollo siglato è di profondo interesse per il settore idrotermosanitario e pone l’attenzione sul ruolo degli installatori e manutenzione di impianti termici. Se l’amministratore di condominio verrà sensibilizzato sul tema, sarà più semplice proporre sopralluoghi per verificare, ad esempio, il livello di idoneità di una centrale termica, o per meglio identificare il soggetto qualificato che dovrà assumere il ruolo di terzo responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.